Carrello

Spedizione GRATUITA in tutta Italia (salvo Venezia, isole minori e zone disagiate)

polipeptidi

Polipeptidi: cosa sono?

A cosa servono?

La più avanzata risposta della ricerca biotecnologica per fronteggiare l’invecchiamento della pelle sono i polipeptidi che rappresentano quindi il nostro miglior alleato per condurre un efficace azione anti aging.

Più in generale e con un approccio un pochino più tecnico scopriamo che polipeptidi sono catene di due o più aminoacidi (fra i quali i più noti Arginina, Alanina, Valina, Isoleucina, Serina, Lisina…) diffusamente presenti nel nostro corpo sia come elementi strutturali che, soprattutto, funzionali.
I polipeptidi possono essere intesi anche come proteine semplici in quanto rispetto alle proteine essi hanno un numero più basso di aminoacidi ed hanno pesi molecolari più contenuti. Abbastanza diffusa è la definizione di “frammenti di proteina” 

Gli aminoacidi di un polipeptide svolgono un’importante attività funzionale di “guida” nel nostro corpo. Svolgendo vere e proprie funzioni o dando istruzioni ad altri complessi di cellule perchè esse assolvano compiti specifici.
L’esempio più evidente è sicuramente la catena di aminoacidi che costituisce il nostro DNA che, rinomatamente, fornisce tutte le istruzioni alle nostre cellule per moltiplicarsi e specializzarsi funzionalmente in modo che il nostro organismo sappia svolgere tutte le attività necessarie per tenerci in vita.

Altri esempi di attività funzionale:

  • encefaline polipeptide con 5 aminoacidi che svolge funzioni di neurotrasmettitore
  • defensine (30 aminoacidi) funzionale alla difesa del corpo dai microrganismi 
  • glucagone (catena di 29 aminoacidi) con funzionalità ormonale antagonista dell’insulina

Semplificando un po’ ma chiarendo il concetto possiamo dire che i polipeptidi fanno qualcosa e fanno fare qualcosa ad altri complessi di cellule.
Tale semplificazione ci consente di intuire come tale natura funzionale dei peptidi li renda un elemento fondamentale (per quanto ancora innovativo) anche in ambito dermocosmetico dove rappresentano un supporto determinante per la definizione di “dermocosmesi funzionale” ovvero un processo di dermo rigenerazione e di antiaging attivo ed efficace.

Q Derm Intensive usa i polipeptidi per un efficace trattamento intensivo di dermo rigenerazione
Cosa sono i polipeptidi? – Q Derm Intensive

Nella Dermocosmesi cosa significa polipeptide?

Abbiamo riassunto cosa sono i polipeptidi ed abbiamo accennato il motivo per cui è corretto pensare come l’impiego di polipeptidi nelle formulazioni di prodotti dermocosmetici sia sicuramente indice di un’attenzione alla funzionalità del prodotto stesso. Tale scelta formulativa testimonia infatti come il produttore si sia posto principalmente un obiettivo funzionale piuttosto che meramente di gradevolezza.
In altre parole, la presenza di peptidi in un prodotto dermocosmetico chiarisce l’intendimento del formulatore di realizzare un prodotto che attivamente determini delle azioni-reazioni nella pelle finalizzate ad ottenere risultati di dermorigenerazione e quindi anti aging.  

Negli ultimi anni infatti nel mondo dell’antiaging i polipeptidi hanno trovato sempre più spazio nei prodotti di alta qualità definendone l’approccio funzionale e riconfigurando il sopravvalutato e famigerato acido ialuronico ad un più corretto valore di semplice complemento di idratazione (per approfondimenti l’articolo del Dr. Livio Marossi “Il “mito” dell’acido ialuronico”).

Assume quindi il polipeptide significato qualificante per una dermocosmesi funzionale ? Assolutamente si !
E’ proprio questo il significato : fare qualcosa e non meramente coprire una ruga riempiendola di siliconi.

Quali polipeptidi e perchè in dermocosmesi?

Ci sono svariate catene di aminoacidi che possono risultare efficaci come principio attivo di dermorigenerazione e quindi, per comprendere sempre più profondamente la valenza dei polipeptidi in cosmesi andiamo a conoscere più da vicino il caso della linea Q-Derm® dove il formulatore ha scelto le catene esapeptidi e tetrapeptidi declinandole i 2 prodotti:

Prima di approfondire l’analisi delle 2 citate catene peptidiche definiamo per dovere di chiarezza che i due prodotti contengono (insieme ad altri principi attivi quali l’acido betaglicerretinico) entrambe le catene di esa e tetra-peptidi; ciò che differenzia i due prodotti è il mix e soprattutto il sistema adottato per assicurare una piena penetrazione dei principi attivi nella pelle.

Un esempio di polipeptide

Tetrapeptidi o, in termini INCI palmitoyl tetrapeptide-7 è una catena composta da 4 aminoacidi in acido grasso (glicina, glutamina, prolina, arginina) capace di ridurre la sensibilizzazioni della pelle diminuendo la produzione ad opera dei cheratinociti e fibroblasti dell’interluchina-6 che, essendo una molecola proinfiammatoria, è responsabile della degradazione della matrice cutanea extracellulare (collagene) e quindi responsabile della formazione delle rughe o della formazione dei cheloidi nei processi cicatriziali. 

Semplifichiamo molto: i tetrapeptidi svolgono un’attività di modulazione dei processi infiammatori ed ossidativi della pelle proteggendola dai processi di foto e cronoinvecchiamento 

Esapeptidi o, in termini INCI Palmitoyl Hexapeptide-12, è una catena composta da 6 aminoacidi particolarmente indicata per operare in sinergia con il tetrapeptide.

L’esapepetide è noto come attivatore e stimolatore dei fibroblasti che sono le cellule della nostra pelle incaricate di produrre collagene, glicodaminiglicano, fibre elastiche e reticolari e glicoproteine.

Semplificando molto questa catene peptidica agisce stimolando la produzione fisiologica di collagene ed elastina, rifornendo la pelle di nuova materia (dermorigenerazione), volume e tonicità.
(per approfondire l’articolo del Dr. Philipp Agostini “Anatomia di una ruga“)

Un’ulteriore peculiarità di questo aminoacido è quella di mimare le fibre di elastina che intervengono come veri e propri elastomeri del tessuto epidermico con il risultato di conferire un aspetto tonico e trofico generale (anche su pelli che per avanzamento d’età produrrebbero minime quantità di collagene).

In altri termini l’accoppiata sinergica dei 2 polipeptidi citati attiva le funzionalità dei fibroblasti e sostiene, al contempo, la difesa della matrice extracellulare dal degrado: 

  • stimolazione biologica delle funzionalità dei fibroblasti
  • stimolo alla produzione ed organizzazione della sostanza del derma (collagene ed elastina)
  • mantenere integra la struttura extracellulare e vascolare della pelle
  • incrementare lo spessore e la disponibilità idratativa del derma
  • sostenere le funzioni antiossidanti delle cellule della pelle
  • ridurre la degenerazione della materia extracellulare causata da interluchina-6

L’accennata differenza tra i due prodotti risiede nella struttra dell’emulsione stessa.
Entrambi i Q-Derm contengono infatti le 2 catene polipeptidiche ma la loro disponibilità in emulsione cremosa è resa differentemente.

Q Derm Crema Anti age
Q Derm Crema Anti age

Q-Derm Intensive è infatti un trattamento intensivo (lo dice anche il nome) di dermo rigenereazione pertanto i polipeptidi contenuti sono veicolati da una base grassa (vasellina) per ottimizzarne la penetrazione profonda in approccio liposomiale (attraverso i follicoli sebacei). Tale soluzione consente un’elevatissima disponibilità di aminoacidi a contatto con i fibroblasti.
Il prodotto è quindi decisamente indicato per una corretta e veloce cicatrizzazione (ferite, operazioni, cicatrici da acne…) e per solchi da invecchiamento profondi e/o per esigenze di tonificazione(zona tempie, contorno occhi, nasolabiale, decolleté…)

Q-Derm Anti Aging è un’emulsione decisamente più leggera grazie al fatto che i polipeptidi sono trattati per ottimizzarne la penetrazione prima dell’inserimento nel mixer.
Il prodotto è particolarmente indicato come antiaging per  tutto il viso in quanto agisce molto bene sui microsolchi che fanno apparire la pelle segnata ed invecchiata.

Per approfondimenti ed ulteriori informazioni info@q1shop.it oppure 040 977 67 97 (anche Whatsapp)

One comment

  1. […] Il concetto di funzionalità dei peptidi è illustrato, con un comprensibile tono tecnico, all’articolo “Polipeptidi: cosa sono?”.  […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Spedizione gratuita in tutta Italia

tranne Venezia, Isole minori e zone disagiate

Spedizione il giorno dell’ordine

per ordini entro le 13.00 (lun-ven)

Sistema di qualità

Reg 1223/2009 EC – ISO9001

Pagamento sicuro al 100%

PayPal / MasterCard / Visa